La formazione di tale depressione viene fatta risalire a 64.000 anni fa a causa del collasso dei centri eruttivi del Trifoglietto I e del Trifoglietto II, predecessori dell’Etna. Lo sprofondamento dei due crateri formò una caldera profonda 1 chilometro e larga 5 chilometri. Il cono vulcanico del monte Etna attuale si sarebbe formato

Ormai da diverse settimane l’attività eruttiva del monte Etna è entrata in una fase piuttosto persistente di tipo stromboliano, cioè caratterizzata da esplosioni di modesta intensità che prendono il nome dal tipo di attività che possiamo ritrovare nel vulcano di Stromboli (Eolie – Sicilia). Questo tipo di attività è alquanto

L’eruzione dell’Etna del 2002 è durata dal 27 ottobre al 29 gennaio dell’anno seguente. Essa è nota soprattutto per il connesso Terremoto di Santa Venerina che recò molti danni al versante orientale del vulcano, in particolare al paese che gli ha dato il nome, Santa Venerina. Questa eruzione è stata denominata l’eruzione perfetta, ed è da